Archivio per ottobre, 2006

La gru e la giraffa

Una bellissima animazione in 2D realizzata dall’artista argentino Vladimir Bellini.

Annunci

Gorilla e kebab

Le giornate passano in fretta ultimamente. K. è di là che fa la doccia (calda), mentre aspettiamo che arrivi il tipo a portare la lavatrice. Fino ad oggi abbiamo lavato i vestiti nel bidet e non è andata poi così male, devo dire. La tesi da completare incombe come un gorilla in sovrappeso sulla schiena e mi sono un po’ rotta le scatole del kebab. Solo un po’.

Potentissimo video-remix di quel grande genio che sta dietro www.saam.tv

Deosai

deosai.jpg

Deosai: una regione tra Himalaya e Karakoram. Non ci sono alberi.

L’immagine è di Imran Ahmed.

Equilibri di coppia

Più vado avanti e più mi rendo conto che l’unica cosa che può contribuire a costruire un rapporto interpersonale stabile è l’avere disinteressi in comune. Insomma: se una cosa ti è indifferente e al tuo partner piace tantissimo, puoi sempre sperare di appassionarti ad essa un giorno. Ma se quella cosa la odi, la odierai per sempre e nessuno – nemmeno la persona a cui vuoi bene – ti farà cambiare idea. Anzi, potrà solo fartela odiare di più.

Dopo estenuanti ricerche ho potuto appurare che Renato Zero, beniamino di due generazioni (se non tre) di umani e sorcini, non può assolutamente essere considerato un individuo omosessuale. Di seguito trovate sette pagine che esplicano in maniera chiara – per quanto possibile – le argomentazioni che stanno alla base della mia teoria.

Continua a leggere…

Intervista doppia a Don Franco Barbero e Don Oreste Benzi sul tema delle unioni tra omosessuali.

Oggi ho licenziato un ragazzo per la prima volta. In inglese, via email. Che soddisfazione mi sono levata! Sono esperienze che vanno fatte nella vita e vanno vissute appieno. Non me ne pento perché tanto era uno sfaticato.

Oggi ho anche guardato la TV (dopo secoli!) e mi sono venuti i conati di vomito nel vedere la facciona unta e pingue di Romano Prodi.

Partire con lei

Sono mesi che non sto ferma in un posto per più di una settimana. Penso che sia una cosa positiva, in fondo. Tutto è iniziato a giugno, con l’arrivo di K. a Roma. Da allora è un continuo triangolo tra Napoli, Roma e Bologna. K. mi ha aperto molto gli occhi – ed anche qualcos’altro. Penso sia stata una manna piovuta dal cielo. Per l’anno prossimo penso all’America. Intendiamoci: non che gli USA mi abbiano mai affascinata più di tanto… tuttavia penso che non mi farebbe male provare anche a stare lì. Fare un’esperienza. Mi mancherebbe molto il cibo che mangio qui, senza dubbio. E qualche buona amica. Beh, forse anche i genitori, non lo nascondo (anche se non lo ammetterei mai pubblicamente). Oh, dimenticavo il mio cane Pepe e mia sorella. Ma stare con lei darebbe un senso a tutto. Per la prima volta nella mia vita.

“And you want to travel with her, and you want to travel blind. And you know she will trust you, for you’ve touched her perfect body with your mind”

L. Cohen

Mi sa che questo…

…è il primo post. Penso che mi ci volesse un blog per raggiungere la perfezione.